mercoledì 21 ottobre 2015

Ritorno al Futuro.

Certo che se il 21 ottobre 1985 Robert Zemeckis mi avesse predetto che oggi:

1)Avrei avuto 2 Papi, uno Vero e l' altro peronista di sinistra.
2)Che avrei avuto un boy scout concorrente di Mediaset e cattocomunista presidente del consiglio italiano.
3)Un presidente americano negro.
4)Un presidente russo con consigliere un neo-bolscevico come Alexander Dugin.
5)Elton John coi bambini.
6)Alti prelati con maritozzi.
7)L’ ICI.
8)La Beatificazione in corso per Mons. Camara.
9)Un Sinodo con discussione su Eucarestia per divorziati risposati ed aperture agli invertiti.
10)Uno stato islamico alle porte


....beh, l’ avrei preso per pazzo. 









Entra ne

sabato 1 agosto 2015

Star Crossed

Estate, tempo di fondi di magazzino per ogni televisione.
Ecco che Sky, sul canale Fox, se non sbaglio, da giovedì 30 trasmette, in prima visione italiana, una nuova serie di fantascienza intitolata Star Crossed.
Narra di un gruppo di alieni che, per fuggire dalle persecuzioni nel loro pianeta, si schianta con l'astronave sulla Terra, ovviamente negli Stati Uniti.
Per un disguido inizia una battaglia con le truppe terrestri, gli alieni hanno la peggio e vengono catturati.
Dieci anni dopo le due parti cercano una faticosa integrazione con un progetto concordato.
I protagonisti sono giovani adolescenti, da una parte e dall'altra.
Due ragazzi, uno per razza, si innamorano, con tutti gli ostacoli possibili, tra i quali l'uccisione del padre di lui, capo degli alieni, da parte del padre di lei, capo della polizia locale.
Poi gli estremisti da una parte e dall'altra che cercano di far naufragare l'intesa.
Sono stati trasmessi solo i primi due episodi, ma ho letto che negli Stati Uniti non ci sarà una seconda stagione.
Ci credo.
La trama è banale, prevedibile, raccontata in modo noioso.
L'idea, tra l'altro, non è originale per chi si ricorda le tre belle stagioni di Roswell che narravano di un gruppo di alieni arrivati da bambini sulla Terra, cresciuti in famiglie di Terrestri in quella cittadina del New Mexico e quindi delle loro vicende da adolescenti.
Il "messaggio" (l'integrazione tra razze) sembra fatto apposta per arrivare a sostegno dei clandestini che, con la complicità di alcune figure presunte istituzionali, vengono dalle nostre stesse Forze Armate importate in Italia.
Naturalmente non ho letto la trama dei futuri episodi, anche se non sono sicuro di terminarne la visione.
Probabilmente la prossima volta farò la "prova poltrona".
Registrati il terzo e il quarto episodio, una sera che non ci sarà nulla di meglio li replicherò, cercando di guardarli dalla poltrona, appoggiando la testa alle "orecchie" della stessa.
Se mi addormenterò, allora finirò lì la visione della serie, se, invece, resterò sveglio, vorrà dire un qualche interesse il programma riesce a crearlo.


Entra ne

sabato 28 febbraio 2015

Addio a Spock

Questa mattina, ascoltando la radio, ho appreso della morte a 83 anni di Leonard Nimoy, in dimenticato signor Spock della serie classica Star Trek.
Ne parlerò meglio domani su Blackinights ma non volevo rinunciare a postare qui un primo ricordo per un interprete che ha saputo dare a Spock una fama immortale.
Adesso si che Nimoy potrà visitare nuovi mondi e andare là dove nessun umano è mai andato prima.


Entra ne

mercoledì 7 gennaio 2015

Fiaba Ucronica.

Milioni di anni fa viveva sul Pianeta Par Adis Oter Restr una Civiltà progreditissima. Aveva debellato ogni malattia da milioni di anni, non morivano ed erano uniti in unica Grande Nazione, non conoscendo più la Guerra. Ma un giorno, il loro Imperatore, Lu Ci Fer , grande sapiente e scienziato, volle sperimentare la Creazione di altri Esseri, nonostante tutti fossero stati creati dall' Unico Dio Vero ed Eterno, da cui avevano ricevuto ogni bene. Ma a questo Imperatore sembrava possibile, grazie ai loro millenari studi, tramite manipolazioni genetiche ed altro, creare la Vita dal nulla. Anche tra esseri dello stesso sesso, abortendo ogni embrione (ed erano miliardi) usati per la ricerca. Ma questo non passò inosservato a Dio, che decise di punire quel popolo blasfemo e traditore. Scelse due di loro, abili piloti di astronave, Adamo ed Eva, e li fece fuggire sul Pianeta Terra. Dopo di che scaraventò il Pianeta Par Adis Oter Restr nelle viscere profonde dell' Universo. Purtroppo, nell' astronave riuscì ad intrufolarsi il perfido Lu Ci Fer, nascondendosi. Una volta sulla Terra, Adamo ed Eva, disponevano di ogni tecnologia necessaria per ricominciare la stirpe. Ma avevano il divieto assoluto di accedere al laboratorio genetico che era stato occultato a bordo dall' Imperatore. Purtroppo, poi sappiamo come andò a finire, con Adamo ed Eva che a stento si salvarono dal Continente Atlantide. Ripartendo da zero.Questa è una mia fiaba, leggermente ucronica: ma non spaventatevi: queste cose non possono ripetersi al giorno d'oggi. O SBAGLIO ???







Entra ne

martedì 1 gennaio 2013

Italia, 2016: La Fuga di Logan.


2016, alcune migliaia (poche...) di italiani sfuggiti alle riforme di Monti Mario, vivono sottoterra. Non avvengono nascite dirette, ma solo clonature  da individui scelti alle primarie. Tipici l' Uomo di Bersanderthal, l' Omo Vendolis, la Foemina Bindi, l' Homo Finiculis e l' Abitator Casini; ma tutti ringiovaniti, perchè una legge impedisce di passare i trent'anni, disponendo per loro un' eutanasia di stato, il Carousel. Questo per risparmiare su pensioni e cure mediche...
Alcuni dissidenti cercano di scappare, ma vengono intercettati da squadre speciali, tra le quali spicca Logan 5, forse il miglior cacciatore. Il computer di Equitalia decide allora di infiltrarlo tra i sovversivi, alterandogli la data di nascita. Ma a questo punto, Logan 5, dopo aver capito che Equitalia non provvederà a restituirgli gli anni tolti, decide di darsi alla fuga. Dopo diverse peripezie, e dopo aver scoperto che in realtà le persone destinate al Carousel poi diventano parte della catena alimentare destinata ai giovani, riesce finalmente ad uscire all' aperto, scoprendo un' Italia nuovamente abitabile. E si incontra con un anziano, il quale subito lo apostrofa: "Mi consenta...".
L' inizio di una nuova era di Libertà....

A questo futuro incubo possiamo però porre un alternativa, non votando il centrosinistra alle prossime elezioni...










Entra ne

domenica 8 luglio 2012

Anch'io, memore della vecchia serie di Visitors, non mi sono certo perso questa nuova serie finita venerdì su Italia1. E mentre gli episodi della Prima Stagione (12 episodi) non mi hanno entusiasmato, facendomi rimpiangere la perfida Diana mangia topi (ma bella assai...) degli anni '80, la Seconda Stagione (10 ep.)è stata bellissima, piena di colpi di scena. Peccato forse per la solita distinzione un po' laicista e filoprotestante tra il Vaticano (cattivo)ed il Prete (buono). Ma mi è piaciuto molto sia la ricomparsa della cara lucertolona Diana (un po' invecchiata), sia il chiaro riferimento al fatto che il Nemico (alieno o terrorista) va combattuto con ogni mezzo, pur di sconfiggerlo per la salvezza dell' Umanità. Come la sottile ma decisa condanna del pacifintismo trasmessa da quel "SEMPRE !" che accompagnava la frase della nuova Regina Cattiva ("Veniamo in PACE.."). Bravi gli interpreti, incominciando dalla perfida (e brutta come un serpente) Anna, figlia di Diana e nuova Regina, la brasiliana di origini italiane Morena Baccarin. Brave e (bellissime) l' eroina terrestre Erica Evans (Elisabeth Mitchell) e la figlia di Anna, Lisa. E molto bravi tutti gli altri, dal pennivendolo (poi pentito) Chad Decker interpretato da quello Scott Wolf di Everwood che sembra il sosia di Michael J. Fox, agli impenetrabili rettili giranti attorno ad Anna. E tutti i molti protagonisti, compreso Padre Jack Landry, interpretato da Joel Gretsch che ho scoperto essere marito della figlia del mitico William Shatner, uno dei miei attori preferiti ed indimenticabile Capitano Kirk di Stark Trek.

Peccato dover scoprire che, mentre il finale, dopo la comparsa di una più potente (e segretissima) fazione Umana pronta a combattere i Visitors in una Nuova Terza Stagione, lasciava presagire nuovi sviluppi, purtroppo questa Terza Stagione non c'è stata, lasciando molte cose in sospeso oppure irrisolte.

http://www.vvisitors.it/index.php?option=com_content&view=article&id=98:i-visitors-laciano-il-pianeta-terra&catid=35:la-nuova-serie&Itemid=59





Entra ne

sabato 9 giugno 2012

‘’I veri figli di Montag siamo noi’’, sui muri d’Italia l’omaggio di CasaPound a Ray Bradbury.


Da CASA POUND:

“Abbiamo 17 anni e siamo pazzi’’. CasaPound Italia rende omaggio a Ray Bradbury, l'autore del capolavoro futuristico ‘Fahrenheit 451’ morto pochi giorni fa a Los Angeles, con una serie di striscioni comparsi nella notte in una trentina di città dal nord al sud del Paese: la tartaruga simbolo di Cpi, il nome dello scrittore americano, e la frase che richiama quella pronunciata da Clarisse McClellan, una ragazzina che fa una fugace ma intensa apparizione nel mondo di Montag, dove i libri sono considerati oggetti pericolosi da bruciare a 451 gradi Fahrenheit, appunto, e c’è chi li manda a memoria per salvarli dall’oblio: "Ho diciassette anni e sono pazza. Mio zio dice che queste due cose vanno sempre insieme’’, dice Clarisse. Un’espressione che riecheggia negli slogan del movimento fin dalla sua nascita, a cominciare da quel ’17 anni per tutta la vita’ poi diventato il motto del Blocco studentesco. Del resto CasaPound iniziò le sue “occupazioni non conformi” proprio dedicando una “Onc” al protagonista del romanzo di Bradbury, chiamando “CasaMontag” l'occupazione di uno stabile abbandonato in via Tiberina, a Roma.

“I veri figli di Montag siamo noi - spiega Cpi in una nota – dato che troppo spesso le presentazioni dei libri che parlano del nostro movimento, da 'Nessun dolore' a 'Riprendersi tutto', sono state oggetto di boicottaggio violento da parte dei talebani culturali della sinistra antagonista. Loro – continua il movimento – sono eredi storici dei grandi censori del passato, dalle commissioni alleate che impedivano la circolazione dei libri 'scorretti' dopo il 1945 al filosofo marxista György Lukács, già consulente, nel biennio 1945-1946, della commissione ungherese incaricata di compilare il Catalogo della stampa fascista e antidemocratica; da Benedetto Croce che negli anni ’50, in qualità di consulente per Laterza, si rendeva responsabile del boicottaggio di testi su Nietzsche, agli editori che non pubblicavano i racconti politicamente scorretti di Charles Bukovski inseriti nell’edizione americana originale di Storie di ordinaria follia”.

Per Cpi l'importanza di Bradbury risiede in valori come “la fanciullezza disinteressata di Clarisse McClellan che risveglia nel freddo Montag un nuovo ardore, e nell'idea che non basta leggere i libri per farne armi di costruzione di mondi e cultura: bisogna essere i libri che si legge, incarnarne le idee affinché non restino stampate su carta ma vengano vivificate e attuate. In poche parole, essere cultura che diventa azione”.

Altre foto visibili sui siti di CasaPound.











Entra ne

mercoledì 6 giugno 2012

Ray Bradbury R.I.P.

Solo due anni fa, nell'agosto 2010, gli auguravamo  buon compleanno per i suoi 90 anni.
Oggi apprendiamo che un altro "grande vecchio" della fantascienza mondiale è morto: Ray Bradbury a quasi 92 anni ha lasciato questo mondo per avventurarsi nei cieli infiniti.
Ovviamente la morte di un novantenne colpisce per la fama che questi ha, ben sapendo che a quell'età il ciclo della propria vita è ormai compiuto, ma questo non toglie che la notizia della morte di Bradbury, come di qualunque altra persona le cui opere hanno rappresentato una porzione del nostro divertimento e della nostra adolescenza, maturità e cultura, porti un velo di tristezza.
Credo che in tutti noi ci sia l'idea dell'immortalità (propria) che viene scossa dalle malattie e dalla morte (altrui).
Sicuramente però chi ha scritto Cronache Marziane e Fahrenheit 451 vivrà per sempre nel ricordo di tutti coloro che negli anni a venire prenderanno in mano quei libri e si immergeranno nelle storie di Ray Bradbury.




Entra ne

lunedì 28 maggio 2012

I Visitors sono tornati


Chi ha più di quaranta anni (circa) ricorderà sicuramente una serie che, nei ruggenti anni della crescita della televisione libera, fece ottimi ascolti e contribuì all'affermazione di Canale 5.
I Visitors, serpentoni le cui sembianze erano coperte da connotati e pelle umana creati in laboratorio, si erano presentati all’improvviso occupando, con gigantesche astronavi, il cielo delle principali città del mondo.
Seguirono due stagioni in cui imparammo a conoscere gli eroi umani, la perfida Diana, comandante dei Visitors e i Visitors “buoni” .
La serie originale era del 1983 e in Italia fu trasmessa nel 1984.
Nel 2005 negli Stati Uniti fu messo in onda un rifacimento, ancora di due stagioni, che finalmente, da venerdì scorso, è trasmesso in chiaro anche in Italia (Italia 1) dopo un passaggio su Mediaset Premium.
L’incipit è molto simile, ma in più veniamo a sapere che i Visitors da anni sono sulla Terra, a spiarci e ad infiltrarsi tra gli Umani.
I primi tre episodi (su 12) della prima stagione, seconda serie, sembrano promettere bene e non far rimpiangere l’originale.
Buona l’idea della precedente infiltrazione dei Visitors e, tutto sommato, anche quella di una “quinta colonna” già attiva e semplicemente “in sonno”.
Annotazione di … costumi.
Le divise dei Visitors, negli anni ottanta, in pieno reaganismo, erano rosse fiammanti e, credo, tutti pensassero ai comunisti.
I Visitors alieni sono stati sconfitti al cinema, mentre i comunisti sono stati sconfitti sulla Terra e, adesso, non hanno proprio una divisa, ma si presentano in giacca e cravatta con un aplomb manageriale.
Vogliono forse rappresentare i nuovi Visitors come gli uomini della finanza … tipo Mario Monti ?



Entra ne

venerdì 9 marzo 2012

Terranova non raddoppia

Questo blog che ho aperto e che trascuro così tanto, non può non segnalare quanto ho letto oggi sulla stampa: la Fox ha deciso di non produrre la seconda stagione di Terranova di Spielberg.
Il soggetto era molto semplice e, per gli appassionati del genere, accattivante.
In un futuro lontano poco più di cento anni, l'aria sulla terra è irrespirabile e per cercare uno sbocco ai milioni di derelitti che non possono permettersi i sofisticati filtri per respirare aria pulita, sfruttando la scoperta del sistema per viaggiare indietro nel tempo, rimandano ad una epoca preistorica gruppi di "coloni".
Tra questi anche una intera famiglia, divisa dal "reato" di aver tre figli anzichè due come previsto dalla legge.
Le avventure nell'epoca preistorica sono molteplici, contro nemici animali e malattie rare, ma anche contro un gruppo di "infiltrati" mandati nel passato dai governanti del futuro, per depredare il passato e arricchirsi sempre di più nel futuro.
Con un simile soggetto le stagioni avrebbero potuto moltiplicarsi senza problemi e con grande soddisfazione di quella nicchia di appassionati che ama il genere "dopo catastrofe" che tanto cara fu a quel grande romanziere inglese di John Wyndham (Il giorno dei Trifidi, I Trasfigurati, Avventure su Marte ...).
Non capisco quindi perchè la Fox abbia preferito proseguire con Falling Skies, stesso genere - invasione aliena e i terrestri sopravvissuti lottano per riprendersi la loro terra - ben più noiosa e, a quanto mi constava, con meno spettatori.
Misteri della televisione.
Peccato veder chiudere Terranova, speriamo che il filone fantascientifico possa riprendersi dagli ultimi insuccessi.
In ogni caso possiamo sempre consolarci con i classici immortali: da Ufo a Spazio 1999, da Star Wars (bellissima la versione in hd !) ai vari Battlestar Galactica, I Sopravvissuti (la serie originale) e il primissimo sceneggiato di fantascianza della televisione italiana, A come Andormeda.

Entra ne