sabato 4 ottobre 2008

Primeval: aspettando la terza stagione

Così, domenica scorsa, Jimmy (canale 140 di Sky) ha trasmesso il settimo ed ultimo episodio della seconda serie di Primeval.
La struttura è stata mantenuta invariata rispetto alla prima serie, anche se si sono accentuati gli “effetti speciali” relativi ai “mostri” preistorici e del futuro che attraversavano le “anomalie” per venire nella nostra epoca.
Ma l’idea ha retto molto bene (solitamente la seconda serie è quella più a rischio flop) a dimostrazione che può essere ancora sfruttata.
Gli autori se ne sono resi conto e, infatti, la scena finale è quella di Helen che lascia aperta la prospettiva di nuove vicende, ipotizzando anche con la “resurrezione” di Stephen che, in un mondo parallelo, probabilmente non sarebbe mai morto, esattamente come mai è nata, nella seconda serie, Claudia, sostituita da Jenny.
Nella seconda serie inverosimile, ma divertente la figura non più dello scienziato pazzo, ma del burocrate con ambizioni da dominatore del mondo, mentre se Helen è diventata una cattiva a tutto tondo, anche con una vena di follia, Lester, che nella prima serie rappresentava il grigio funzionario dello stato tanto potente, quanto intellettualmente limitato, è stato “umanizzato” e reso quasi simpatico nel confronto con il “burocrate pazzo” suo sottoposto.
Nessun cambiamento, invece, nei personaggi di Nick, Jenny (la ex Claudia) e dei due ragazzotti (Abby e Condor) la cui presenza è solo di contorno.
Aspettiamo dunque la (promettente) terza stagione.
Tre, un numero fortunato, perché anche “I Sopravvissuti”, mitica produzione inglese degli anni settanta di cui si attende l’uscita in dvd, ebbero le loro tre stagioni di successo.


Entra ne

Nessun commento: